Pagina dinamica…

In questa pagina verranno di volta in volta inseriti degli articoli estratti dal nostro Bollettino “Vita Arenzanese”

RISTRUTTURAZIONE DELLE OPERE PARROCCHIALI

Siamo finalmente giunti all’atto finale di quella che sembrava un’impresa impossibile: il restauro e la riqualificazione del complesso delle “Opere Parrocchiali”. Un edificio che ormai dimostra i segni del tempo ma che per gli Arenzanesi costituisce un riferimento di grande spessore. Tutti sono entrati in quelle stanze: per il catechismo, per l’ACR, per l’AGESCI, per assistere ad una manifestazione (cinema, musicals, commedie, assemblee..) per andare a scuola, per incontrarsi “all’oratorio”, per il dopo cresima, per andare a Messa la domenica…Possiamo tranquillamente affermare che gli Arenzanesi dai 60 anni in giu considerano quei muri “familiari”. La storia affonda le sue radici in quello che per il compianto Don Carlo era stato un sogno. Arrivato ad Arenzano il 26 febbraio 1956, uno dei suoi primi pensieri fu quello di trovare una adeguata sistemazione alle numerose realtà della vita parrocchiale. Il suo interesse fu anzitutto rivolto al complesso di Villa Mina, ma successivamente le attenzioni furono attratte dal vecchio e dismesso complesso della chiesa dei Cappuccini. Le fasi che riguardano l’acquisizione del sedime e di ciò che restava dell’antico luogo di culto sono degne della trama di un film…Possiamo con certezza fissare la data del 18 maggio 2007 come termine della lunga trafila burocratica che ha portato all’acquisizione definitiva del terreno sul quale, nel 1996 furono costruite le “Opere Parrocchiali” di Arenzano. La divina provvidenza in tutto questo ha giocato un ruolo di primordine…Don Carlo era un cliente affezionato alle sorprese di Dio. In effetti l’edificio delle Opere venne edificato con il contributo generoso di tanti parrocchiani e l’acquisizione della proprietà del terreno è avvenuta nel 2007, grazie alla generosità della signora Anna de Barsy e di Padre Giovanni Strina. Il 20 giugno 2014 moriva l’avvocato Gerolamo Damonte lasciando in eredità alla Parrocchia una notevole somma da destinarsi al restauro delle Opere Parrocchiali e alla scuola dell’infanzia Gesù Bambino di Terralba. E siamo arrivati ai giorni nostri. Il Consiglio per gli Affari Economici della Parrocchia, presieduto dall’Arciprete don Giorgio Noli, ha preso la decisione di affidare agli architetti Giambattista e Alice Damonte la definizione del progetto di recupero e restauro. L’inizio dei lavori è previsto nell’estate 2018 e si presume una durata di circa 2 anni. Ovviamente in questo periodo sarà indispensabile trovare altre sistemazioni per tutte le attività pastorali e associative, a cominciare dal Catechismo. Da queste pagine cercheremo di tenere aggiornato lo stato di avanzamento dei lavori, a cominciare da quelli di trasloco che dovranno avvenire necessariamente entro giugno.

Articolo di Don Giorgio Noli (Parroco)